L’importanza del setting negli IAA

50,00

Martedì 24 settembre 2024 dalle ore 20 alle ore 23

Categoria:

Descrizione

Il setting rientra negli elementi di cui tener conto per il successo dell’intervento IAA, può variare notevolmente in base agli obiettivi terapeutici, al tipo di animali coinvolti e alle esigenze dei destinatari. Nell’ambito degli IAA spesso il setting è spesso strutturato in funzione delle possibilità e delle risorse progettuali. In alcuni contesti, gli animali con cui fare gli interventi devono subire anch’essi un adattamento all’ambiente, come ad esempio nei casi in cui sono loro, insieme ai coadiutori, a spostarsi da un intervento all’altro. È importante offrire contesti atti alla socialità interspecifica, positivi e stimolanti. Il setting deve essere attentamente progettato e gestito per garantire il benessere sia delle persone che degli animali coinvolti, promuovendo un ambiente sicuro, confortevole e “terapeuticamente” efficace.

Il corso verterà su questi aspetti:

Il setting: ambiente, condizioni e modalità
Gli elementi indispensabili del setting
Aperture e chiusure nel setting degli IAA
Le fasi di lavoro: tempi e ritmo
Il setting come cura di sé e dell’altro negli IAA
La serata è aperta a insegnanti, educatori, tagermutter, infermiere, operatori in IAA, educatori cinofili, psicologi, pedagogisti, studenti universitari, genitori e persone interessate al tema.

Orario:
Ore 20 inizio della formazione
Ore 23 fine della formazione

 

Al termine della formazione verrà rilasciato attestato di partecipazione e slide.
La formazione verrà registrata.

La giornata formativa sarà tenuto dalle seguenti docenti:Dott.ssa Serena Nurra – pedagogista, formatrice. Responsabile/Referente in IAA e Coadiutore del cavallo.
Da oltre 15 anni nel campo dell’educazione di adolescenti e adulti. Formazione specifica in Ecopsicologia (Scuola di Ecopsicologia-Ecopsiché). Ha acquisito esperienza nella consulenza pedagogica per adulti, per accompagnare famiglie in difficoltà con i propri figli, in progetti di inclusione sociale e inserimento lavorativo di persone con differenti vulnerabilità. Nel campo degli adolescenti ha operato in centri di aggregazione, in percorsi di gruppo volti allo sviluppo di competenze sociali e relazionali. Nella sfera delle disabilità ha operato in centri diurni, organizzando laboratori espressivi a matrice artistica e con la mediazione della natura e degli animali.
Attualmente impiegata nel coordinamento di équipe educative nei servizi territoriali per minori e adulti e come formatrice per insegnanti e supervisore per i professionisti del sociale. Organizza seminari per il riconoscimento e la valorizzazione del rapporto uomo-ambiente. Collabora con Associazioni ed Enti del Terzo settore che promuovono incontri sugli Interventi Assistiti con gli Animali e percorsi diretti con il cane e con il cavallo. Illustratrice per passione.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’importanza del setting negli IAA”